SKY – Sky, Dazn, Mediaset: ecco come vedere la serie A in televisione ( da corriere.it)

I diritti tv sono divisi tra due operatori diversi, oltre all’operatore satellitare entra ora in scena il marchio del gruppo Perform, vediamo dove e come è possibile guardare le partite del prossimo campionato

Cambiano i volti della serie A, ma cambia anche il modo di vederli e soprattutto dove. Riepilogo delle puntate precedenti: dopo un complesso iter che aveva visto protagonista la società spagnola Mediapro, poi sparita dalla scena perché considerata inadempiente dalla Lega di serie A, i diritti tv per i prossimi 3 anni della massima serie calcistica, sono stati divisi per tutte le piattaforme in due parti come da bando. Il pacchetto più grosso, pari al 70% delle partite se l’è aggiudicata Sky, il pacchetto più piccolo pari al 30% a Perform (anticipo delle 12.30 della domenica, una partita delle 15 della domenica ed il posticipo delle 20.30 del sabato) gruppo britannico che distribuisce il proprio prodotto nel mondo attraverso il marchio Dazn. Non era possibile per un solo soggetto aggiudicarsi la totalità delle gare, per motivi legislativi a a cui chi ha creato il bando si è dovuto attenere.

Dove vedere le gare

La novità, come detto, è che chi si è aggiudicato i diritti della prossima serie A inizio il 18 agosto) se li è aggiudicati per tutte le piattaforme (satellite, digitale terrestre, web, telefonia cellulare ecc…) anche se non possiede una rete idonea alla trasmissione su una o più piattaforme. Il bando però non proibisce la cessione dei diritti tv a terzi sotto forma di diritti di ritrasmissione (in pratica cedo il diritto di trasmettere solo il contenuto in mio possesso) o sotto forma di accordo commerciale, ovvero la possibilità di accedere con un unico abbonamento ai propri ed altrui contenuti ma tenendo distinte le modalità della fruizione, o infine sotto forma di integrazione delle piattaforme, ovvero far entrare in uno stesso software i contenuti proprietari ed altrui. Nel concreto però dove e come gli appassionati potranno vedere le partite della prossima stagione di serie A?

Sky

Partiamo da Sky. La tv satellitare possiede i diritti di 266 partite (su 380) in esclusiva del nostro campionato. Gli abbonati potranno seguire queste partite sia via satellite, che digitale terrestre o via internet. Oppure in streaming via tablet o telefonia cellulare attraverso le app Now tv , Sky Go, Sky Go plus e Sky Go Q. E le altre, quelle in possesso di Dazn? E’ in corso una trattativa con il gruppo britannico per cercare di integrare il software di Dazn con quello del nuovo decoder di Sky, ovvero Sky Q. Se la trattativa andasse in porto l’abbonato Sky Q (saranno circa 450mila secondo le previsioni entro ottobre) potrebbe vedere tutto il campionato all’interno di uno stesso sistema operativo. Naturalmente sia l’attuale che il futuro abbonato debbono dotarsi del decoder sky Q, che in realtà sono due, uno più completo, Sky Q Platinum ed uno più essenziale Sky Q Black che hanno costi differenti di abbonamento e di installazione (da 199 a 79 euro al momento). In tutti i casi bisognerà essere in possesso di una connessione ad internet mediamente veloce (almeno 2Mbps in download). E per chi possiede un altro tipo di decoder e non vuole passare a Sky Q, non resta che abbonarsi anche a Dazn per vedere tutte le partite, ma Sky sta prendendo in considerazione la possibilità di concedere un risparmio mensile ai propri abbonati che decidessero di avere due abbonamenti.

Dazn

Il secondo detentore dei diritti è Dazn. Una volta attivato il servizio anche in Italia abbonarsi sarà semplice. Dazn infatti è una piattaforma streaming (come Netflix per intenderci) accessibile via web, tablet, cellulari attraverso una app. Il costo è di 9,90 euro al mese e permette di fruire del servizio su 6 device diversi di cui due contemporaneamente. Oltre alle 114 partite all’anno di A, Dazn trasmetterà tutte le gare di B ed è in corsa per aggiudicarsi quelle della Liga.

Mediaset premium

Per i vecchi ( e nuovi) abbonati di Mediaset Premium, che seguivano il calcio sulla tv di Mediaset, c’è una buona notizia. Con un abbonamento di 19,90 euro al mese potranno avere anche i contenuti di Dazn. Ma non attraverso il digitale terrestre. Dovranno iscriversi via web a Dazn e probabilmente avranno accesso al servizio tramite un codice, ma questo sarà reso chiaro in seguito.
Attenzione però, Dazn può chiudere diverse intese di questo genere, e sarebbe in trattativa con Tim, Fastweb e altri.

Come vedere le gare

Come sarà possibile seguire le partite della serie A? Per le partite in possesso di Sky i sistemi sono gli stessi dello scorso anno. Per quelle in possesso di Dazn bisognerà dotarsi, se non ci si abbona a Sky e ci si dota di un decoder Sky Q, di un dispositivo di visione collegato alla rete internet. Quindi smart tv, tablet, cellulari in primo luogo. Ma poi, soprattutto per chi ha un tv un po’ datata anche smart box come Apple tv, Chromecast, Fire tv (per citare solo i più famosi) da collegare da un lato alla rete e dall’altra alla propria tv. Oppure pc, notebook, e console. Insomma da quest’anno, almeno per quanto riguarda il calcio, tv e internet stanno diventando una cosa sola.

Fonte: corriere.it